AALEME

Légionnaire toujours...

  • Plein écran
  • Ecran large
  • Ecran étroit
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Nuovi Alpin : Legionario ? No, meglio disertore

Envoyer

13 febbraio 2012

Purtroppo è vero: l’Alpino utilizzato a fini propagandistici dall’Ana e dalle FF.AA. è un disertore della Legione Straniera.

Girava da tempo la voce, confermata dalle ammissioni su internet del giovane: O.B., da poche settimane arruolato nel 2° Reggimento Alpini, era fuggito dopo quattro mesi d’addestramento, tradendo il giuramento che l’obbligava alla ferma quinquiennale nella Légion étrangère.

E’ un Caporal Maggiore della Legione Straniera, Danilo Pagliaro, ad aver sollevato dubbi sulla moralità del ragazzo, utilizzato come simbolo dei giovani che hanno aderito alla mininaja: Pagliaro, infatti, non ha esitato a commentare il publiredazionale (lo chiamiamo così) dell’Ufficio Stampa della Brigata Alpina Taurinense e ripreso sul sito web dell’Associazione Nazionale Alpini (oltrechè sul numero di Dicembre de L’Alpino), affermado a chiare lettere che “si parla di una persona che senza un briciolo di dignità né di onestà, ha semplicemente disertato dopo l’istruzione di base. DISERTATO. Qui stiamo parlando di un DISERTORE. Quando si dice che “si rende conto che il képi bianco non fa per lui.” bisogna anche dire che non é andato alla vita civile in maniera regolare e dignitosa, ma é scappato via, disertando e coprendosi quindi di vergogna e di disonore. Ragion per cui, prima di fare un articolo alla gloria di un disertore, penso che si sarebbe dovuto fare un po’ più di attenzione”.

 

Il Legionario Pagliaro, combattente che parla con determinata professionalità dei suoi vent’anni di missioni nei teatri di guerra (noti e meno noti) di tutto il mondo, non ha sopportato che “piaccia o no, il signor O.B. sia preso ad esempio della nuova generazione di Alpini”.

Abbiamo conosciuto personalmente Danilo Pagliaro, un militare dall’indubbia esperienza, pluridecorato, che ci ha volontariamente dimostrato la sua identità (pubblichiamo solo il distintivo, non i suoi documenti militari, per ovvie ragioni di sicurezza…) e ci ha confermato a voce quanto già scritto sul sito dell’Ana:

Quell’articolo é stato un errore. Troppa leggerezza, o forse troppo entusiasmo per un ‘caso non comune’, ma in ogni caso una grossa ‘papera’, che di sicuro non porta lustro all’immagine dei nostri Alpini. Sono un legionario. Il mio binomio, un ragazzo di 21 anni é morto nel corso della sua prima missione, saltato su una trappola esplosiva sul monte Igman, e dopo ci sono stati i vari Tumatariri, Simon, Gunther e ancora e ancora e ancora, su quattro continenti di questo mondo. Loro non hanno né tradito né disertato. E se mi permetto di parlare cosi’, é perché i valori, gli ideali, i principi di lealtà, onore, fedeltà, correttezza sono valori comuni a tutti i militari di tutte le nazioni, le bandiere, le correnti politiche, ideologiche. La fedeltà alla parola data, ai propri Camerati, ai propri superiori…. Quante migliaia di morti ha avuto il Corpo degli Alpini ? Io non sono un Alpino ma sono un militare e nel rispetto e nella devozione assoluta che ho per i Caduti, poco importa il Corpo di appartenenza, o la nazionalità, io questi valori voglio tenerli alti. Non ci sono ambiguità, non ci sono possibilità di trattative : non davanti ad un Corpo come la Legione Straniera o gli Alpini. Si dice che la Legione dia una seconda possibilità di ricominciare. In questo caso vorrà dire che sarà il Corpo degli Alpini che darà una seconda possibilità, per ricominciare, per riscattarsi”.

Affermazioni pesanti, come provarle?

 “Da un paio d’anni, O.B. scriveva su un Forum, sotto lo pseudonimo di ‘Informatore’ e dava informazioni sulla Legione. Poi, un giorno, messo un po’ alle strette: ‘..Ecco si no ho niente altro da dire, quello che ho detto in passato qui è tutto vero tranne che me ne sono andato disertando anziche con il permesso,… oppure il giorno 09-06-2011 : “... ed ora si, ve lo dico, anche io sono un ex Disertore, ma a tornare ci ho provato; perchè non ho passato quel fiume divisorio perchè non ero in grado di rimanere li…”

Siam risaliti alla prova del nove, ossia alla ‘scheda’ anagrafica del nickname ‘informatore’:

Nome, cognome, data di nascita sono quelli: censuriamo i dettagli a tutela della riservatezza del giovane, a differenza di altri ‘giornali’.

Il giovane comunque non ha risposto alle nostre e-mail e si è chiuso nel più stretto riserbo: comprensibile per un ragazzo, ancor più comprensibile per l’imbarazzante situazione in cui si è andato a ficcare (o l’hanno ficcato).
Poco comprensibile il fatto che uno che fa la cosa peggior che possa fare un militare, ossia disertare, venga preso ad esempio del carrozzone della mininaja, sbattuto sui giornali con titoli trionfanti ed arruolato in poco tempo tra i volontari in ferma annuale.

In linea teorica, comunque, pare che non ci siano ‘estremi’ perseguibili nel suo comportamento, se non in Francia…
Sarebbe un bel problema, eventualmente, in caso di missioni in Francia o di suo impiego con forze alleate francesi…

Nel più stretto riserbo, purtroppo, anche le Truppe Alpine: l’ufficiale addetto all’ufficio P.I. della Brigata Taurinense, nonchè estensore dell’articolo propagandistico, non ha risposto alla nostra richiesta di colloquio.
Non male come ‘esempio’ di trasparenza della Pubblica Amministrazione

Nel più stretto e malinconico riserbo, ovviamente, anche la Dirigenza dell’Ana: il vice presidente Cesare Lavizzari ci ha comunicato che, a seguito dell’avvio del secondo grado di giudizio nei confronti di Mattia Uboldi (condannato a dodici mesi di sospensione in primo grado), i vertici dell’Ana non possono parlare di niente.


Traduction

aa
 

Visiteurs

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterAujourd'hui2570
mod_vvisit_counterHier9393
mod_vvisit_counterCette semaine20459
mod_vvisit_counterSemaine dernière41693
mod_vvisit_counterCe mois81603
mod_vvisit_counterMois dernier224610
mod_vvisit_counterDepuis le 11/11/098282336

Qui est en ligne ?

Nous avons 2211 invités en ligne

Statistiques

Membres : 17
Contenu : 13462
Affiche le nombre de clics des articles : 17962687
You are here ARTICLES 2012 Nuovi Alpin : Legionario ? No, meglio disertore